CCNL, IL COMITATO PER IL NO IN ASSEMBLEA A NAPOLI

Posted: 6th marzo 2012 by Area "La CGIL che Vogliamo" Fisac in Banche, Contratto (B)
Tags: , , ,

IL NUOVO CONTRATTO DEI BANCARI

Una meraviglia? Il migliore possibile? Un’autentica schifezza?

Una cosa è certa. Dicono che dovremo approvarlo o bocciarlo NOI in assemblee “certificate”.

Abbiamo una certa esperienza in materia!!

Due ore, due ore e mezza; spesso in luoghi diversi dal nostro posto di lavoro (talvolta in altre città); solo chi è favorevole (anche 5 o 6 per volta) potrà sedere al tavolo e gestire l’evento; inizieranno con forte ritardo; ci saranno relazioni evanescenti e kilometriche; dopo le prime timide domande di chiarimento replicheranno lungamente; qualcuno si arrabbierà e ci sarà maretta; il tempo per il NO sarà poco e contingentato; si voterà quando molti saranno andati via ed altri saranno disgustati, perplessi o non avranno capito nulla.

NOI VOGLIAMO UN NO FORTE E CONSAPEVOLE

E PERCHE’ CIO’ ACCADA LA PRIMA CONDIZIONE E’ CHE IN CATEGORIA CIRCOLI L’INFORMAZIONE E CI SIA DISCUSSIONE.

Per questo il “Comitato napoletano per il NO”

all’ipotesi di Rinnovo del Contratto dei Bancari organizza

UN’ASSEMBLEA INFORMATIVA

MARTEDI’ 13 MARZO alle ore 17,30
PRESSO LA SALA DEI COBAS SCUOLA
VICO QUERCIA 22 (tel.081 5519852)
NAPOLI (nei pressi del cinema Modernissimo)

Noi abbiamo affittato una Sala.

Voi riempitela di domande, dubbi, idee, indignazione.

Date torto a chi gioca sulla nostra passività e rassegnazione.

 

E diffondete questo messaggio, ci aiuterete a riempirla di colleghe e colleghi

 

Il Comitato napoletano per il NO

  1. luigi scrive:

    Scusate, ma vi siete chiesti cosa accadrebbe se il CCNL non venisse approvato?
    Questa volta il CCNL in scadenza è stato DISDETTATO dall’ABI, quindi NON vale più, non c’è prorogatio contrattuale, ragion per cui resteremmo senza un contratto nazionale di categoria e quindi SENZA TABELLE SALARIALI!!!!! Ogni Banca potrà fare il contratto aziendale che più le farà comodo ed i nostri stipendi saranno livellati a quelli dei commessi!!! Si perchè ci assimilerebbero al contratto del commercio come già avviene attualmente in Germania per i 3/4 dei lavoratori impiegati nel settore del credito.
    Sono oramai diversi gli istituti di credito che hanno espresso l’intenzione di uscire dall’ABI. Credete che, qualora l’attuale ipotesi di CCNL non venisse approvata dai lavoratori, ABI concederebbe alle OO.SS. un secondo tentativo d’accordo contrattuale?
    IL VERO CONTRATTO SCIPPO FU QUELLO DEL 2005 quando in piena espansione economica ci vennero concessi aumenti salariali ridicoli, però in quell’occasione nessuno si ribellò, PERCHE’?
    La verità è che il “Comitato del NO” è in realtà sostenuto e finanziato dai Banchieri stessi, perchè non vogliono più avere il giogo di un CCNL per loro troppo oneroso!!!
    SVEGLIATEVI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. marco casavola scrive:

    Caro comitato del No,
    la verità è che se il CCNL non passa avremo tutti da perdere.
    L’area contrattuale sarebbe minacciata per chi non è banca in senso stretto
    (ced, factoring, credito al consumo ecc), pensate che se andiamo a ricomporre
    un tavolo negoziale presso il ministero del Lavoro avremo un ministro come fu
    Donat Cattin a nostro favore ????
    Non capite che ci faremmo male da soli in nome solo di una infantile voglia
    di dire NO.
    La vostra è solo demagogia populista e i volantini che girano sono falsi, capziosi
    e non rispondenti alla realtà.
    Cercate di crescere e sforzarvi di capire che la crisi tocca tutti anche il nostro settore.
    Nessuno sta dicendo che questo sia un grnade CCNL ma il CCNL migliore data la pessima
    situazione economica.
    Un’ultima annotazione: i sindacati del credito sono troppi ma se volete voi di area antagonista potreste unirvi tra di voi facendo uscire la cgil che vogliamo dalla vera CGIL che ha firmato questo accordo.
    Sveglia “”"”"”"”"”"”"”"”"”